Zurigo: le rive dei fiumi e del lago valgono alla Città e al Cantone il Premio Schulthess per i giardini

Patrimonio svizzero premia le autorità cittadine e cantonali zurighesi per la gestione comune delle rive fluviali e lacuali della città di Zurigo. La cooperazione esemplare tra gli enti garantisce l’esistenza di spazi di qualità fruibili dall’uomo e dalla natura.

Le rive del Lago di Zurigo, della Limmat e della Sihl sono apprezzati luoghi di svago e ristoro dove la popolazione si reca per passeggiare, fare picnic, nuotare e praticare sport. Gli argini offrono inoltre un prezioso habitat per la fauna e la flora, contribuendo così alla biodiversità. Oltre a questo, vengono impiegati per proteggere le aree edificate dalle esondazioni.

Nel principale centro urbano svizzero si è capito molto presto che affinché un progetto abbia successo, non bisogna contrapporre gli interessi degli uni a quelli degli altri, bensì trovare soluzioni innovative che soddisfino al meglio l’insieme delle esigenze.

Con i loro interventi, la Città e il Cantone di Zurigo non si preoccupano semplicemente di offrire paesaggi da cartolina intorno al lago e lungo i corsi d’acqua. Numerosi progetti a favore degli abitanti e della natura hanno nel corso del tempo messo in valore la Sihl e la Limmat. Oggi questi spazi non solo accolgono i bagnanti e gli sportivi, ma vengono occupati anche da animali come i castori e i martin pescatori, a dimostrazione della riuscita degli sforzi congiunti degli enti comunali e cantonali.

Per informazioni e domande

Patrimonio svizzero: Patrick Schoeck, T 079 758 50 60  
Città di Zurigo: Ingo Golz, vicedirettore Spazi verdi Città di Zurigo, T 044 412 26 82
Cantone Zurigo: Matthias Oplatka, Ufficio gestione rifiuti, acqua, energia e aria, T 043 259 32 11

Pubblicazione di accompagnamento al Premio Schulthess 2020

La pubblicazione relativa al Premio Schulthess di quest’anno, ricca di informazioni e illustrazioni (prezzo pieno CHF 10.–, per i membri di Patrimonio svizzero CHF 5.–).    

Il Premio Schulthess per i giardini

Patrimonio svizzero conferisce il Premio Schulthess dal 1998 per ricompensare prestazioni eccezionali nell’ambito della cultura dei giardini. Possono essere premiati la cura e la manutenzione di giardini e parchi storici, come pure la realizzazione di spazi verdi contemporanei di grande qualità. Il premio è dotato di CHF 25'000.–, messi generosamente a disposizione dai coniugi Georg e Marianne von Schulthess-Schweizer di Rheinfelden.   

Commissione

Ogni anno spetta alla Conferenza dei Presidenti di Patrimonio svizzero designare il Premio Schulthess per i giardini, su proposta del Comitato. La Commissione Premio Schulthess per i giardini seleziona il candidato e sottopone la sua scelta alla decisione del Comitato.

Commissione Premio Schulthess per i giardini

Claudia Moll, Dr.sc. ETH, Landschaftsarchitektin, Zürich (Presidente)
Sophie Agata Ambroise, architetta paesaggista, Lugano
Isabel Schmid, Architektin, Bern
Marco Rampini, architecte, Genève
Christoph Schärer, Leiter Stadtgrün Bern, Bern
Maurus Schifferli, Landschaftsarchitekt, Trub BE
Martin von Schulthess, Agraringenieur ETH, Bern

Panoramica

Dal 1998 Patrimonio svizzero assegna il Premio Schulthess per i giardini. Tra i vincitori delle scorse edizioni del premio si contano l’Archivio per l’architettura paesaggistica e la pianificazione del territorio di Rapperswil (1998) e il Giardino botanico alpino di Meyrin (2019).

I vincitori delle edizioni passate del Premio Schulthess per i giardini

2019: Jardin botanique alpin di Meyrin (GE)

Patrimonio svizzero conferisce al Giardino botanico alpino di Meyrin il premio Schulthess per i giardini 2019. A essere insignito della distinzione è il Comune, proprietario del giardino. Dal 2015 a questa parte, Meyrin ha infatti saputo, attraverso interventi accurati, trasformare lo spazio verde in un luogo di incontro animato e in un’oasi di pace, nel cuore dell’agglomerato urbano.

2018: I giardini del Ballenberg (BE)

Sin dalla sua creazione, il Museo all’aperto del Ballenberg si impegna a fondo nella cura e nella mediazione della cultura tradizionale dei giardini e dei paesaggi. Volendo premiare questi sforzi pluriennali a favore di un rilevante aspetto del patrimonio culturale svizzero, in occasione dell’Anno del patrimonio culturale 2018 Patrimonio svizzero assegna al Ballenberg il Premio Schulthess.

2017: Murg-Auen-Park di Frauenfeld (TG)

Con il Murg-Auen-Park, un tratto di paesaggio fluviale è stato trasformato da area militare a spazio verde urbano che accoglie al contempo l’uomo e la natura. Patrimonio svizzero assegna il Premio Schulthess per i giardini 2017 a questo progetto perspicace e al pluriennale impegno che ha condotto alla sua realizzazione.

2016: Ballypark e i comuni di Schönenwerd, Gretzenbach e Niedergösgen (SO)

Il Parco Bally di Schönenwerd è un bene monumentale industriale e culturale, e un prezioso spazio libero in mezzo all’Altopiano, che sorge accanto al tronco autostradale Aarau – Olten. Patrimonio svizzero onora con l’assegnazione del Premio Schulthess per i giardini 2016 l’impegno profuso dai tre comuni solettesi a tutela di questo parco unico nel suo genere.

2015: I giardini collettivi della Città di Losanna (VD)

Nelle città sta emergendo la volontà di consumare verdure coltivate con le proprie mani e di sperimentare le gioie del giardinaggio. La Città di Losanna mostra sin dal 1996 in modo esemplare come funziona il giardinaggio urbano e come esso rappresenti un valore aggiunto per la società. Patrimonio svizzero riconosce col Premio Schulthess per i giardini 2015 il prezioso lavoro a favore di questi orti urbani, a Losanna chiamati semplicemente plantages, che incoraggiano le partecipazione al giardinaggio e favoriscono una presa di responsabilità ecologica.

2014: Città di Uster (ZH)

La Città di Uster mostra come far nascere una nuova compattezza urbana attuando una pianificazione lungimirante e realizzando spazi verdi. Il fulcro di questa evoluzione è l’Aabach, che si è gradualmente trasformato da canale industriale a zona parco. Patrimonio svizzero onora l’impegno profuso dalla Città di Uster attribuendole il Premio Schulthess per i giardini 2014. È la prima volta che il Premio viene assegnato a un Comune.

2013: Erlenmattpark di Basilea (BS)

Il Canton Basilea-Città ricorre già da anni allo strumento della tassa risultante dai benefici delle misure di pianificazione. Il Parco Erlenmatt, un progetto della Raymond Vogel Landschaften AG, mostra quali vantaggi per la comunità e la qualità comporti questa nuova possibilità finanziaria.

2012: Groupement Superpositions: rivitalizzazione del paesaggio fluviale dell'Aire a Ginevra (GE)

I problemi posti dagli interventi nei paesaggi fluviali sono variati e la loro soluzione implica la presa in considerazione delle molteplici attese dei fruitori e delle popolazioni rivierasche. L'approccio pluridisciplinare messa in atto dal Groupement Superpositions per la rivitalizzazione dell'Aire a Ginevra rappresenta nella fattispecie una novità che ha favorevolmente impressionato Patrimonio svizzero, inducendola ad assegnare a questo lavoro il Premio Schulthess per i giardini 2012.

2011: Rotzler Krebs Landschaftsarchitekten

Gli interventi effettuati nel parco Brühlgut di Winterthur hanno regalato un’oasi verde all’inquinato quartiere Tössfeld. Patrimonio svizzero ha deciso di premiare questa opera di architettura paesaggistica con il Premio Schulthess per i giardini, la cui assegnazione è resa tradizio-nalmente nota a inizio primavera.

2010: Büro Vogt Landschaftsarchitekten

Con l’assegnazione del Premio Schulthess per i giardini 2010, Patrimonio svizzero imbocca una nuova via, quella della valorizzazione dell’architettura paesaggista contemporanea. Il riconoscimento di quest’anno va al Büro Vogt Landschaftsarchitekten AG per due suoi lavori: il parco Blumenberge a San Gallo e un intervento di giardinaggio urbano a Zurigo, che mostrano eloquentemente la versatilità degli architetti e l’ampiezza del raggio d’azione dell’architettura paesaggista, un’arte che spazia dalla progettazione di giardini all’arredo urbano.

2009: Due giardini Salis di Soglio e Bondo (GR)

l Premio Schulthess per i giardini è stato attribuito ai giardini dei due Palazzi Salis di Soglio e Bondo (GR). I due parchi hanno un grande valore storico e, negli ultimi anni, sono stati curati con attenzione e impegno dai loro proprietari. Gli interventi a carattere conservativo e di rinnovamento dolce si completano a vicenda e creano una nuova armonia. Con questo riconoscimento, Patrimonio svizzero tiene a sottolineare il ricco patrimonio culturale dei giardini della Bregaglia.

2008: Wädenswil (ZH)

Patrimonio svizzero attribuisce il decimo Premio Schulthess per i giardini al Zentrum Urbaner Gartenbau dell’Alta scuola di scienze applicate di Wädenswil per i risultati ottenuti nella ricerca applicata. Il Centro sviluppa metodi per restituire agli spazi verdi sterili delle nostre città le qualità intrinseche di un giardino, per esempio grazie a speciali miscele di fiori e cespugli.

2007: Giardino Flore-Alpe a Champex (VS)

Patrimonio svizzero attribuisce il Premio Schulthess per i giardini 2007 al giardino Flore-Alpe a Champex/VS, riconoscendo in tal modo 82 anni di abnegazione e costanza. Sorto nel 1925 come giardino privato, nel corso degli anni il Flore-Alpe è diventato un giardino botanico alpino. L’alleanza tra giardino e scienza ha creato un’atmosfera assolutamente particolare. Sui 10'000 metri quadrati, prosperano 3000 piante alpine e di altre montagne del mondo.

2006: Ermitage Arlesheim

2004: Fred Eicher

2003: Rosengärten

2002: Historische Gartenanlagen

2001: Pflanzensammlungen

2000: Association Jardin urbain

1999: Gartenliebe

1998: Stiftung «Archiv für die Schweizer Gartenarchitektur und Landschaftsplanung», Rapperswil»